Carta di bambù: la soluzione alla deforestazione (VIDEO)

Grazie al suo elevato contenuto di cellulosa, con il bambù gigante si può produrre una carta con le stesse caratteristiche della carta comune, con cui stampare libri, realizzare bicchieri, rotoli asciugatutto e via dicendo. La differenza? La carta di bambù è 100% ecosostenibile!

In questo video Emanuele Rissone, Presidente di Forever Bambù, racconta perché la carta fatta con il bambù è l’alternativa ecologica alla carta tradizionale e che cosa si può realizzare con questo materiale.

Cellulosa di bambù

Il bambù gigante ha un altissimo contenuto di cellulosa, soprattutto nei primi anni di vita del bambuseto. Con la cellulosa ricavata dalla triturazione delle canne di bamboo si può produrre una splendida carta ecosostenibile, in grado di sostituire in tutto e per tutto la carta comune.

La carta ottenuta dal bambù può essere impiegata per realizzare tantissimi prodotti: ad esempio dei panni riutilizzabili per la casa, che a differenza dei normali rotoloni da cucina hanno il vantaggio di poter essere lavati e impiegati più volte, ma anche libri, bicchierini e molto altro ancora.

Carta di bambù: perché è ecosostenibile?

La carta comune viene spesso presentata come un’alternativa più ecologica rispetto ad esempio alla plastica: eppure il suo utilizzo contribuisce alla deforestazione.

Infatti, quando tagliamo un albero per estrarre la cellulosa quell’albero muore e dovrà quindi essere in seguito ripiantato, rendendo necessario aspettare 15 anni perché il nuovo albero torni allo stato di quello precedente e permetta di raccogliere nuova cellulosa.

Con il bambù, invece, il discorso è molto diverso. Una volta che la foresta è giunta a maturazione (intorno al settimo anno) è possibile tagliare circa 1/4 delle canne di bambù presenti in quella foresta ed estrarre la cellulosa in esse contenuta senza provocare alcun danno. Questo perché, anche dopo essere state tagliate, le canne di bambù ricrescono poi in maniera spontanea e sono pronte a fornire nuova cellulosa nel giro di un anno soltanto.

Condividi tramite:
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp