Giornata Mondiale dell’Ambiente: scopri la storia

Il 5 giugno abbiamo celebrato la Giornata Mondiale dell’Ambiente, un evento globale che ci ricorda l’importanza di proteggere il nostro pianeta. Sei pronto a fare la differenza? Scopri con noi la storia di questa giornata e come puoi contribuire a un futuro più sostenibile.

Giornata Mondiale dell’Ambiente: dalla Conferenza di Stoccolma ad oggi

Il 5 giugno di ogni anno la Giornata Mondiale dell’Ambiente ricorda un evento significativo per la politica ambientale internazionale: in quella data infatti, nel 1972, si tenne la Conferenza sull’Ambiente Umano, nota anche come Conferenza di Stoccolma. Questo incontro storico segnò il primo grande evento globale dedicato alle questioni ambientali. Nello stesso anno, il 15 dicembre, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approvò una risoluzione (A/RES/2994 (XXVII)) che designò il 5 giugno come Giornata Mondiale dell’Ambiente per invitare governi e organizzazioni delle Nazioni Unite a riaffermare la centralità di temi quali la conservazione e il miglioramento dell’ambiente nelle politiche e nelle azioni dei Governi al fine perseguano politiche per la consapevolezza ambientale. Questo evento ci ricorda quindi quanto sia fragile il pianeta Terra e di come ciascuno di noi possa svolgere un ruolo chiave nel proteggerlo e salvaguardarlo.

Conferenza di Stoccolma del 1972

Nel corso degli anni, la Giornata mondiale dell’Ambiente ha affrontato diversi temi centrali su varie problematiche ambientali. Nel 2024, la Giornata Mondiale dell’Ambiente sarà ospitata dall’Arabia Saudita e si concentrerà su temi molto sentiti in quell’area come la desertificazione, la siccità e il ripristino del suolo. Il tema di quest’anno, OnlyOneEarth, mette in evidenza l’urgenza di vivere in maniera sostenibile e in armonia con la natura.

Il 2024 segnerà anche il 50º anniversario della celebrazione della Giornata Mondiale dell’Ambiente. Questa giornata venne infatti celebrata per la prima volta nel 1974 con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza dell’impatto dell’uomo sull’ambiente naturale e sul suo equilibrio, nonché di trovare strategie per tutelarlo. Nello stesso anno, l’Assemblea Generale istituì anche l’United Nations Environment Programme (UNEP) con il compito di organizzare e coordinare attività e iniziative per la salvaguardia ambientale.

Giornata Mondiale dell’Ambiente: scopriamo lo stato di salute della Terra

Le statistiche sullo stato dell’ambiente possono essere davvero allarmanti. Ad esempio, un rapporto del 2018 del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) ha avvertito che il riscaldamento globale ha già causato cambiamenti significativi al nostro pianeta e che, se non prenderemo misure immediate e drastiche, siamo sulla buona strada per un aumento catastrofico delle temperature. Questo è un campanello d’allarme per tutti noi: l’azione per limitare gli effetti del cambiamento climatico è urgente e necessaria. Inoltre, il rapporto Global Environment Outlook 2019 delle Nazioni Unite ha rivelato che l’inquinamento atmosferico causa circa 6-7 milioni di morti premature ogni anno. Questi dati ci mostrano chiaramente che il nostro pianeta è in grave pericolo e che la situazione richiede la nostra attenzione immediata.

Prima Commissione del 1988 dell’IPCC – Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico

Ma c’è anche speranza! Molti paesi e organizzazioni hanno preso provvedimenti concreti per proteggere l’ambiente e promuovere uno stile di vita più sostenibile. Ad esempio, l’Unione Europea ha fissato l’obiettivo di ridurre le emissioni di carbonio del 55% entro il 2030, mentre la Cina si è impegnata a raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2060. Anche diverse aziende stanno facendo la loro parte: Microsoft, ad esempio, si è impegnata a diventare carbon negative entro il 2030. Questi sforzi dimostrano che un cambiamento è possibile e che, con l’impegno di tutti, possiamo ancora fare la differenza per il nostro pianeta.

Quali sono le aspettative future?

Nonostante i progressi, molte sfide rimangono per garantire un futuro sostenibile per il nostro pianeta. Gli esperti sottolineano l’importanza delle soluzioni tecnologiche, come l’adozione di energie rinnovabili e veicoli elettrici, per ridurre le emissioni di carbonio. Altri ritengono che siano necessari cambiamenti nello stile di vita, come ridurre il consumo di carne e utilizzare i trasporti pubblici, per ottenere un impatto duraturo.

Per esempio, sempre più persone stanno seguendo una dieta a base vegetale, riconoscendo i benefici ambientali di ridurre il consumo di carne. Anche l’uso delle biciclette e dei mezzi pubblici è aumentato nelle città di tutto il mondo, riducendo l’inquinamento e migliorando la qualità dell’aria. La strada verso un futuro sostenibile richiede un impegno congiunto e un approccio multifattoriale.

Diventa essenziale che ognuno di noi contribuisca adottando comportamenti virtuosi nella nostra vita quotidiana. Ad esempio, possiamo ridurre l’uso della plastica, riciclare correttamente i rifiuti, risparmiare energia elettrica e preferire prodotti a basso impatto ambientale. Questi piccoli gesti, se adottati da molti, possono fare una grande differenza. La Giornata Mondiale dell’Ambiente è un’opportunità per riflettere su come possiamo migliorare le nostre abitudini e fare la nostra parte per un pianeta più sano e sostenibile. 

Giornata Mondiale dell’Ambiente: festeggia insieme a Forever Bambù

In conclusione, la Giornata Mondiale dell’Ambiente è un momento per riflettere sull’importanza della protezione ambientale e per agire.  Se da un lato le statistiche sullo stato dell’ambiente possono essere allarmanti, dall’altro c’è speranza grazie all’impegno di Paesi e organizzazioni a ridurre la propria impronta di carbonio. Unisciti a noi di Forever Bambù per celebrare questa giornata speciale. Visita le nostre foreste di bambù, scopri come contribuire alla sostenibilità e impara di più sui nostri progetti ecologici. Non perdere l’opportunità di fare la tua parte per un futuro più verde. Contattaci e prenota una visita per vedere di persona come il nostro impegno sta cambiando il futuro dell’agricoltura sostenibile.

Condividi tramite: